1° TROFEO BENCINI FRANCO   C.N.  PORTICCIOLO PIOMBINO

 

 

 PIOMBINO  DOMENICA 23 MAGGIO 2010                                   

 

Domenica 23.05.’10 la Piazzetta del Mare di Piombino è stata la degna cornice del I° Trofeo Bencini Franco di pesca in apnea valido come prove selettiva per l’accesso alla semifinale nazionale di giugno a Civitavecchia.

Il Circolo Pesca Sportiva  “ Il Porticciolo “ di Piombino è così tornato alle competizioni prendendo il posto del Circolo “ Pontedoro “ che,  per mancanza di atleti, ha dovuto interrompere la partecipazione ai campionati.

Il grosso lavoro organizzativo è stato premiato da una giornata perfetta sia come clima che come trasparenza delle acque; i 42 partecipanti alla manifestazione hanno così potuto onorare degnamente la prova riempiendo 31 carnieri e lasciando solo 11 cavetti vuoti.

Questo a dimostrazione, nel caso in cui qualcuno avesse potuto avere dubbi, della validità del campo di gara che permette di pescare a qualsiasi profondità , su fondali di diversa natura e con le tecniche più disparate.

Le veloci operazioni di iscrizione sono avvenute nell’accogliente sede sul mare e l’imbarco dei garisti è stato facilitato dalla presenza delle numerose imbarcazioni  messe a disposizione e dai gommoni portati dagli atleti.

Il veloce trasferimento al centro del campo di gara che si snodava lungo la costa compresa fra il porto di Salivoli e quello di Baratti, segnalato con delle vistose boe gialle e controllato da diversi assistenti issanti bandierina rossa , ha permesso al Direttore di gara, al Giudice Federale Sforzini ed al Giudice aggiunto Lilla di dare il via alle 8,50 dopo aver radunato tutti i partecipanti al centro della zona prescelta.

L’unico inconveniente, che certamente si potrà correggere nelle prossime edizioni, è stato proprio il momento della partenza che ha visto i palloni incrociarsi e aggrovigliarsi  come era prevedibile e lo snodarsi degli atleti nelle due direzioni, in fila indiana vista la natura del sottocosta.

Più punti di partenza ( come è consuetudine fare all’Isola d’Elba ) o il primo spostamento ( come è prassi fare all’Argentario e a Follonica ) , faciliterebbero l’inizio della competizione ed eviterebbero agli atleti lo stress della pinneggiata iniziale per togliersi dalla confusione .

Un leggero pulviscolo sollevato dal maestrale dei giorni precedenti dava comunque una visibilità di una decina di metri che, vista la gara di Cecina della domenica precedente, dava l’illusione di essere ai Caraibi se non fosse stato per un taglio di acqua fredda sul fondo.

Dopo circa due ore di gara cominciano a circolare le voci di alcuni atleti con 3/4/5 pesci ( alcuni da pesare )  con la maggioranza delle catture nel campo a sud, tornando indietro verso Salivoli.

C’è chi pesca sui cigli esterni sui 15 / 18 mt. e chi razzola ( per scelta o perché costretto da difficoltà di compensazione ) in pochi metri d’acqua con analoghe fortune.

Mentre chi si è allargato cattura una bella serie di tordi di peso, chi ha continuato a scorrere la frana, in un susseguirsi di tuffi meticolosi guardando sotto ogni anfratto possibile,  arricchisce il carniere di saraghi, tordi, capponi e muggini.

Nella seconda fase della gara alcuni carnieri prendono consistenza e corrono le voci di 7 /10 pesci per alcuni concorrenti per cui il ritmo delle apnee aumenta cercando di recuperare il distacco sperando nel “ taglio giusto “.

Alle 12,50 la prova ha termine e, dopo un rapido recupero degli atleti ed il rientro nella confortevole base nautica del Porticciolo ( comodissimo il parcheggio per tutte le auto ) ci si avvia alla pesatura.

Bei carnieri di alcuni pesci di mole cominciano a delineare una classifica che, di volta in volta, si aggiorna facendo scalare tutti di una posizione e facendo rifare i calcoli per il punteggio finale.

Una buona regia della pesatura porta per ultimo il carniere di Bemi Marco che con 7 prede valide , tre specie  e 6190 punti si aggiudica la prova su Poggi Sandro con 6 tordoni  per 5522 punti.

Diversi Francesco con 6 prede, due specie e  5372 punti va ad occupare il terzo posto sopravanzando il compagno di squadra  Mazzarri Nilo pure con 6 tordi per 4790 punti .

Ancora un ottimo  5° per Volpe Massimiliano che vede aumentare le possibilità di qualifica insieme a Manciulli Stefano ( 6° )   che per pochi punti soffia il posto a Ciampi Renzo ( 7° )che recrimina per essersi trovato davanti ad un branco di muggini avendo in mano due fucili da 50 cm. e non aver potuto sparare !!

Leverone Marco e Polvani Paolo, ambedue dell’ A.S. Versilia , con 4 prede ciascuno vanno ad occupare le posizioni n° 8 e 9  mentre il 10° posto è appannaggio di Calvino Andrea.

La pesatura di tutti i 31 carnieri fa protrarre i tempi fino alle14,30 dopodichè  una tavola degnamente imbandita accoglie atleti, barcaioli, giudici di gara, accompagnatori e collaboratori che fanno onore ai preparativi.

Affettati, bruschette, pennette al tonno piccanti e dolce innaffiati da un giusto quantitativo di bianchi e neri di qualità sono spariti fra i racconti di Ciampi e Ramaccini, fra i saraghi di Bemi e gli sfottò dei compagni di squadra.

In un clima di serena allegria si è poi passati alle premiazioni ricordando la figura di Franco

Bencini,  subacqueo di valore nazionale con cui ho disputato alcune gare nei primi anni ’70 durante la prima vita del  “ Porticciolo “  di Piombino .

Personalmente lo ricordo come un giovane sempre sorridente e pronto alla battuta che non lesinava consigli a chi , come me arrivato alle gare diversi anni dopo di lui, non sapeva come comportarsi durante le competizioni.

Certo è che si sarebbe sentito a proprio agio in mezzo e tanti giovani e avrebbe rivisto amici e compagni di tempi andati con lo spirito che lo ha sempre contraddistinto.

A lui è intestato il trofeo biennale aggiudicato quest’anno  dall’Associazione subacquea Versilia che dovrà difenderlo , il prossimo anno, dagli attacchi di tutti gli altri concorrenti.

Per società, al secondo posto troviamo il Teseo tesei, seguito dal Gruppo Apneisti Senesi, il CNFN Nettuno Cecina, Circolo  il Porticciolo ed il Ci. Ca. Sub G. Garibaldi di Livorno.

Con questa prova, mentre rimangono confermate le posizioni di TRAMBUSTI Gaio ( 8 penalità scaturite da un 1°+2°+5°) , CALVINO Andrea  ( 13 penalità date da 3+7+3 ) e DI PUCCIO Massimo ( 15  penalità date da 3+5+7 ) si infittisce il gruppo degli inseguitori con ottime chances  di inserirsi nel novero dei 6 finalisti.

Di sicuro, se sarà possibile disputare la  prova di S. Vincenzo, i giochi saranno aperti ancora a tutte le conclusioni e comunque fra la gara di S. Vincenzo e Follonica saranno da tenere d’occhio tutti quegli atleti che potrebbero, sulla carta, prendere il posto anche dei tre ormai sicuri.

Infatti , ottimi o buoni risultati potrebbero proiettare alcuni nomi nei primissimi posti :

BEMI Marco 2+1, CLAUT  Stefano 1+4, DIVERSI Francesco 5+3, VOLPE Massimiliano 4+5, sono i più probabili.

Seguono VELLA Antonino 9+2, GRAZIANI Gabriele 2+11, MANCIULLI Stefano 7+6, POLVANI PAOLO 6+9, LEVERONE Marco 8+8, CIAMPI Renzo 10+7;  questi atleti potrebbero risalire nella Top-six grazie ad un ottimo risultato.

Certo avrebbero da recriminare non poco i vari Montomoli M. e Ballati che hanno ottenuto un primo a testa,Poggi 2°, Zanaga 3°,  Mazzarri, Baroncini e Tonazzini 4°,  Rapezzi D. 5° , Granchi Mattera 6°, Ramaccini 7°, Rampini Lorenzini Panariello 8° e Bandini 9°.

Non avere la possibilità di concludere le selettive con tutte le prove previste lascerebbe di certo l’amaro in bocca !

Speriamo perciò di poter disputare una prova sabato 29 maggio a S. Vincenzo e concludere domenica 30 a Follonica.  Vi aggiorneremo in tempo reale appena avremo notizie !!

A presto.

                                                                                                      

                                                                              Antonino Vella

 

 

 

e-mail: info@lnisubfollonica.it

|  Home Page  |  La Classifica  |  Gare 2009 2010  |  Vedi Foto |